Rebel Bouclé

Passione frange per rendere “rebel” anche un tessuto bon ton come il bouclé

Frange imperfette, scomposte, irregolari su tessuto bouclé, un trend della prossima stagione, che i brand del lusso hanno proposto su shorts e mini bon ton. Il blouclé, che ha fatto storia con i tailleur e le giacche  Chanel, viene rivisitato in chiave rock-chic, per spazzare via la patina da “sciura” e rinfrescarlo in chiave “rebel girl”.

 Il Bouclé è un tessuto di lana o altro filato, realizzato con gli omonimi filati cardati: l’aspetto è molto irregolare, con nodi o ricci in superficie.

Quando Gabrielle Chanel negli anni Venti decise di utilizzare un tessuto così tipicamente maschile per le sue creazioni di abbigliamento femminile, fu una sorta di rivoluzione all’insegna del comfort e della modernità.

Karl Lagerfeld dai primi anni Ottanta, ha saputo regalargli una vita e un’anima nuova e l’ha fatto entrare nell’immaginario collettivo in una nuova veste, che sa unire allure perbene e un pizzico di trasgressiva follia.

Le frange irregolari e volutamente scomposte si ottengono rigorosamente a mano, sfrangiando il tessuto con un uncinetto e “liberando” il filato in modo regolare. La rivisitazione in chiave “rebel” è in realtà il frutto di una lavorazione rigorosamente manuale, per ottenere un effetto naturale, ma al tempo stesso, preciso e sartoriale, come si conviene ad un capo di lusso.

Vuoi altre know-how pills?

Iscriviti alla nostra mailing list

* indicates required