Seleziona una pagina

la moda sostenibile

Una nuova consapevolezza

l’industria della moda sposa la sostenibilità 

Il costo del lavoro, la complessità della filiera, l’instabilità del mercato, il prezzo delle materie prime, la delocalizzazione e la crisi economica.. sono tutti fattori economici e socio-politici che portano l’industria della moda a confrontarsi continuamente con nuove problematiche e sfide impegnative. 93 miliardi di metri cubi di acqua vengono usati per la produzione tessile. I trattamenti tessili e le fasi di tintura  sono la causa del 20% dell’inquinamento globale delle acque dolci. Dei 100 miliardi di capi prodotti ogni anno, il 35% diventa uno scarto, producendo 92 milioni di tonnellate di rifiuti corrispondenti al 4% dei rifiuti solidi globali.

sostenibilità

La sostenibilità nella moda conta.

L’industria della moda ha avviato azioni importanti per portare avanti una serie di  azioni che garantiscano collaborazione, innovazione e coordinamento a livello di sistema.

la camera nazionale della moda

In questo contesto la Camera Nazionale della Moda Italiana ha assunto un ruolo centrale: dal 2011 si impegna a diffondere il principio di una moda sostenibile, in quanto valore fondante del sistema moda italiano, e opera come supporto e stimolo per le aziende italiane interessate a investire concretamente nella sostenibilità.

il nostro contributo

In quanto partner di rilievo nella supply chain di grandi brands del lusso, Giuntini si è sempre schierata a favore della moda sostenibile. Innanzi tutto nella gestione corretta delle sostanze chimiche utilizzate all’interno del processo produttivo: un’esigenza imprescindibile. È per questo motivo che dal 2015 Giuntini ha deciso di creare all’interno dalla propria azienda una Procedura di Chemical Management che è stata definitivamente implementata con la certificazione ISO 14001, conseguita a Marzo 2017, che ha definito questo strumento conforme alla normativa e quindi funzionale.